bari
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

pestaggio

Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

aggressione

Ventitreenne pratese in fin di vita dopo un pestaggio

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Un ventitreenne pratese, mentre si trovava ieri notte a Bologna, è stato pestato a sangue da un individuo per motivi ancora da acclarare.

Pestaggio

Vuole impedire stupro, picchiato. E' in coma

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Jonut Tenchi, di 26 anni, rumeno e senza fissa dimora. Ha pestato a sangue, tanto da ridurlo in fin di vita, un connazionale che gli stava impedendo di abusare sessualmente di una donna. Il tutto è avvenuto a Barletta, in un accampamento di stranieri. La donna per fortuna sta bene ma l'uomo è attualmente ricoverato in stato di coma, nell'ospedale Bonomo di Andria. Secondo la ricostruzione e le testimonianze di alcune persone, l'aggressore avrebbe colpito ripetutamente con dei calci alla testa la persona "rea" di essersi intromessa nelle sue faccende, tanto da farlo svenire.

criminalità

Marocchino pestato e derubato da due connazionali

Immagine articolo - Il sito d'Italia

La notte scorsa, un ventisettenne marocchino che stava percorrendo in bicicletta via della Misericordia è stato avvicinato da due connazionali che, dopo averlo afferrato per il collo e puntatogli un coltello alla gola, lo hanno colpito con calci e pugni.

Via Benedetto dei

Somalo picchiato da tre persone. Indagini dei carabinieri

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Indagini dei carabinieri sulla grave aggressione subita a Firenze da un somalo di 36 anni, ricoverato al Cto con la mandibola rotta e un trauma cranico. L'uomo ha una prognosi di 30 giorni. L'episodio è avvenuto la notte scorsa in via Dei. Secondo il racconto dello stesso somalo, tre sconosciuti lo avrebbero accerchiato e picchiato con violenza, senza un motivo.

ITI Da Vinci

Ex studenti entrano indisturbati a scuola e picchiano un ragazzo

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Spedizione punitava all'Iti da Vinci, ex studenti dell'Istituto entrano in classe e malmenano un ragazzo. Un vero e proprio regolamento di conti, giovanissimi che giocano a fare i boss. E' quanto accaduto circa dieci giorni fa nel cortile della scuola, quando tre ragazzi albanesi sono entrati indisturbati, pur non essendo più iscritti e hanno spintonato un ragazzo di colore. Non contenti lo hanno seguito fino in classe, colpendolo ripetutamente, i 'duri' illirici, non si sono intimoriti nemmeno davanti ad un docente, hanno colpito pure lui.

Su via Flaminia

Pestati a sangue custodi di autodemolizioni

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Brutta avventura per i custodi di un centro di autodemolizioni della Capitale. Ieri sera, intorno alle 22, due persone, a volto coperto, sono entrate nell’abitazione dei guardiani dell’autodemolizioni Flaminia ed hanno preso a sprangate i due rumeni (di 54 e 53 anni) che controllano il centro. I rapinatori hanno portato via alcuni oggetti in oro e dei contanti, ferendo, in maniera seria, i due guardiani. Ricoverati all’Ospedale Sant’Andrea per degli accertamenti, i rumeni sono stati ricoverati con 30 e 40 giorni di prognosi.

La telefonata di Mutu alla vista di Chivu in lacrime

Cristian Chivu ed Adrian Mutu: due connazionali "diversi"

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Nel posticipo di ieri sera fra Bari ed Inter, vinto dai nerazzurri per 3 a 0, Cristian Chivu si è reso responsabile di un'azione violenta di gioco, colpendo deliberatamente con un pugno al volto il difensore barese Marco Rossi. L'episodio non è stato visto dall'arbitro, ma le infallibili telecamere hanno documentato tutto. Subito dopo la partita, Cristian Chivu si è presentato in lacrime davanti alle telecamere di Sky ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “È difficile spiegarmela (quell'azione, ndr), perché ho perso per un attimo la lucidità.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]