bari
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Denunciato un uomo dalla Forestale

Noci - Distrugge tradizionali muretti a secco per piantare alberi illegalmente

Smantellamento notato da software in dotazione al CF
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il personale del Corpo Forestale di Noci, in servizio d’Istituto finalizzato alla tutela del territorio, ha operato il sequestro preventivo di un terreno agricolo delle dimensioni di mq 25.000 circa, in località “Monte Cucco”, agro del Comune di Putignano.

Gli agenti hanno accertato che sul terreno erano in corso lavori finalizzati alla trasformazione colturale del sito da seminativo a ciliegeto e che circa 500 metri di muretti a secco erano stati smantellati e distrutti mediante macinatura dei conci di pietra. In particolare i muretti, oltre ad essere elementi caratterizzanti il nostro territorio e quindi oggetto di tutela come “Beni diffusi del paesaggio agrario”, svolgevano un’importante funzione di contenimento contro eventuali scivolamenti del terreno verso valle. La distruzione dei muretti a secco è stata accertata anche grazie all’ausilio del SIM, Sistema Informativo della Montagna, uno software in dotazione al CFS che consente di monitorare le trasformazioni che il territorio subisce nel corso del tempo, attraverso il confronto delle ortofoto.

Dalle indagini è risultato che i lavori sono stati eseguiti in assenza di autorizzazione paesaggistica, necessaria invece poiché il terreno ricade in area tutelata. Il proprietario del fondo agricolo, responsabile delle opere abusive, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]