bari
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Il Natale a Bari

"La cucina del sottano" - Il vero menù barese nel nuovo libro di Michele Fanelli

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia
Evento
Data Evento: 
Giov, 12/12/2013 - 18:00 - 20:00
luogo: 
Libreria Roma, Piazza Moro - Bari

Giovedì 12 dicembre alle ore 18, Michele Fanelli presenta, presso la libreria Roma di Bari, "La cucina del sottano. Ricette, usanze e buone creanze baresi" (Progedit), il racconto, con lingua sapida e scanzonata, dei piatti, delle ricette e dei menù del “basso”, il luogo ancestrale e popolare, sito al piano della strada, nel quale molti baresi sono nati e cresciuti.

 

Il libro
Michele Fanelli racconta, con lingua sapida e scanzonata, i piatti, le ricette e i menù della cucina del sottano. Il sottano è il “basso”, il luogo ancestrale e popolare, sito al piano della strada, nel quale molti baresi sono nati e cresciuti. Emblema di un qualsiasi centro storico, il sottano aveva un cuore, la cucina, dal quale fluivano odori, sapori, in una parola la vita e l’amore.
Conditi con aneddoti, leggende e fatterelli, i piatti e i menù del sottano restituiscono non solo una atmosfera e il senso di un tempo ma anche l’evoluzione, i cambiamenti di una sapienza gastronomica tramandata e sperimentata da secoli. Usi e accorgimenti che muovevano le nostre nonne a una cucina povera e risparmiosa, ma dispensatrice di calorie e di gusto.
Molti di questi piatti, per esempio riso, patate e cozze, cicorie e fave, o la parmigiana, hanno una origine proprio lì, nel sottano, da mani sapienti che sapevano capovolgere le avversità con l’arte di arrangiarsi con pochi soldi.
Michele Fanelli si muove attraverso un originale percorso, dai “piatti poveri”, per passare ai “piatti terapeutici”, dai “piatti forti” della tradizione alle portate e ai dolci delle feste. Segreti succulenti riservano infine le pagine su “conserve” e conservazione sott’olio, sui rosolii fatti in casa. Corona il libro il ricordo delle “buone creanze”, cioè il galateo della tavola, quando questa non era ancora diventata il bancone del mordi e fuggi solitario.

 

L'autore
Michele Fanelli (Bari 1954), amante del vernacolo e della tradizione popolare, sin da giovane ha organizzato un gruppo teatrale nella Cattedrale di Bari. Presidente del Circolo A.C.L.I. E.N. Dalfino dal 1994, è impegnato da molti anni in iniziative per la rinascita della Città Vecchia. Tra le numerose pubblicazioni dedicate alle tradizioni, ricordiamo, per i nostri tipi: “Bari vecchia porte aperte. Odori, sapori, superstizioni, liti, bestemmie” (2008), “Tradizioni baresane. Storie, mestire e candine, credenze, usanze e checcine” (2011) e il calendario “U Settane”, per gli anni 2010, 2011, 2012, 2013 e 2014.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]