bari
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Le dichiarazioni di Emiliano

Amministratori minacciati dalle Mafie: l'incontro di avviso pubblico a Palazzo di Città

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

 

 

Si è tenuto ieri mattina a Palazzo di Città l’evento organizzato dal Comune di Bari e dall’associazione Avviso Pubblico durante il quale i sindaci e amministratori pugliesi minacciati e presi di mira dalla criminalità negli ultimi mesi hanno portato la loro testimonianza. La Puglia, infatti, è la quarta regione d’Italia per numero di casi relativi a intimidazioni e violenze nei confronti di amministratori e funzionari pubblici.

In occasione della presentazione del rapporto “Amministratori sotto tiro. Intimidazioni mafiose e buona politica”, sono intervenuti il sindaco di Toritto Michele Geronimo, il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio, il sindaco di Pioltello (Milano) Antonello Concas e l’assessore del Comune di Castrignano de’ Greci Paolo Paticchio, alla presenza del presidente e del vice presidente nazionale di Avviso Pubblico, Andrea Campinoti e Cosmo Damiano Stufano, il sindaco di Bari e coordinatore regionale di Avviso Pubblico Michele Emiliano e il referente regionale di Libera per la Puglia Alessandro Cobianchi.

“Esiste da molto tempo - ha dichiarato il sindaco Emiliano - la percezione di una sostanziale solitudine, da parte non solo dei sindaci ma di tutti coloro che in questo Paese assumono delle responsabilità istituzionali. L’ordine pubblico da 20 anni è oggetto di marketing politico: spesso la politica gioca con le paure dei cittadini accusando, a seconda di chi governa, ora gli uni ora gli altri di particolare trascuratezza nei confronti del crimine. Peraltro, con riferimento ai sindaci, la cosa è assai singolare visto che, come è noto, questi ultimi hanno il divieto di occuparsi di ordine pubblico.

Se un amministratore è solo, se non è supportato dai cittadini e dalla comunità politica, è più facile da colpire. Avviso pubblico svolge un ruolo prezioso, aiutando gli amministratori a costruire relazioni e a individuare soluzioni ai problemi, ma è chiaro che tocca a noi sostenere queste attività e parteciparvi attraverso un’assunzione di responsabilità collettiva. Ad esempio, lo scioglimento dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose non è più un’esclusiva del sud, se lo è mai stato, e ho riscontrato personalmente la difficoltà, anche da parte di amministratori per bene, in Calabria come in Lombardia, di chiamare le cose col loro nome, di affermare che gli eventi accaduti nelle loro città si chiamano, semplicemente, ‘ndrangheta. Non dobbiamo tornare indietro.

Ci è voluto il sangue dei martiri dell’antimafia per ottenere il diritto di chiamare le cose col loro nome, e oggi quel diritto sembra nuovamente in discussione. Se le cose non cambieranno, potrebbe succedere qualcosa di irreparabile”.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]